Naufragi a capo Guardafui e la questione del faro

naufragi_guardafui_domenica-corriere-1901Nella seconda metà dell’800 il problema dei naufragi, dovuti alle grandi nebbie, in prossimità del capo Guardafui pose la questione della realizzazione di un faro utile alla navigazione e a protenzione dei naviganti, in quanto essendo il Corno d’Africa, com’è tutt’oggi, un crocevia di commerci da e per l’oriente era un punto nodale a livello internazionale, ancora di più dopo l’apertura del canale di Suez nel novembre 1869 (all’epoca il capo era sotto l’Inghilterra, che poi lo cedette all’Italia con il trattato del 5 maggio 1864). Oltre per evitare i naugragi sarebbe stato anche utile per salvaguardare i naufraghi dall’attacco dei predoni.

Clicca MI PIACE nella pagina Facebook dedicata al Faro Crispi a Capo Guardafui

Tant’è che già nel XIX secolo Osman Mahamuud il sultano migiurtino che controllava gran parte della costa nord-orientale somala, stipulò un accordo informale con la Gran Bretagna per sovvenzioni annuali da parte dei britannici per proteggere gli equipaggi inglesi naufragati (contratto mai ratificato).

TUTTA LA STORIA DEL FARO FRANCESCO CRISPI DI CAPO GUARDAFUI E’ NARRATA NEL LIBRO “IL FARO DI MUSSOLINI”. ACQUISTALO ORA CLICCANDO QUI OPPURE PUOI TROVARLO IN TUTTE LE LIBRERIE E STORE ON-LINE. GUARDA QUI IL BOOK-TRAILER DI PRESENTAZIONE E LEGGI QUI LE RECENSIONI DEI LETTORI.

© 2014 Alberto Alpozzi freelance photojournalist All Rights Reserved – Torino, Italy

Per approfondire clicca qui per leggere un articolo sulla storia della costruzione del faro Crispi.

ENGLISH VERSION

Shipwreck at cape Guardafui and lighthouse’s international issue

shipwreck_guardafui-fifeshireDuring XIX century the problem of shipwrecks near cape Guardafuibecause of the large fog, poses the question about a lighthose’s project useful for navigation, because the Horn of Africa, as it is today, was a crossroads of trade to and from the East and was a nodal point at the international level, even more after the opening of the Suez Canal in November 1869 (at that time the cape was under the influence of England, only with 5 May 1864 agreement the cape became italian). In addition to avoiding shipwrecks was also useful to protect the castaway  from the robber’s attack.

Click LIKE into Facebook page dedicated to Lighthouse Crispi at cape Guardafui

Infact already in the XIX century king Mahamuud Osman of the Sultanate Migiurtino , who controlled much of the north-eastern coast of Somalia, entered into an informal agreement with Britain which provided annual subsidies to the king by the British to protect the English crews shipwrecked  against robbery.

© 2014 Alberto Alpozzi freelance photojournalist All Rights Reserved – Torino, Italy

To learn more click here to read an article about the lighthouse Crispi’s history

HERE MY FACEBOOK PAGE “Fotografia e Reportage – Alpozzi Fotografo Torino” TO SEE MY REPORTAGE

Annunci

9 pensieri su “Naufragi a capo Guardafui e la questione del faro

  1. Pingback: Dal 3 maggio 1930 il Fascio Littorio illumina e protegge le acque del Corno d’Africa | L'ITALIA COLONIALE

  2. Pingback: Arthur Rimbaud poeta e trafficante d’armi in Africa Orientale | L'ITALIA COLONIALE

  3. Pingback: L’invenzione di Marconi per la stazione radiotelegrafica del faro di Guardafui | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  4. Pingback: Somalia, uomini famosi a Guardafui | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  5. Pingback: Il comandante di Zeppelin Hugo Eckener e il capo Guardafui | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  6. Pingback: 05/1941- L’attaco inglese al Faro Crispi | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  7. Pingback: 1924/2014 – Il 90° anniversario del faro Crispi nella Somalia italiana | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  8. Pingback: CAPO GUARDAFUI, RAS ‘ASÄYR راس عسير- Alberto Alpozzi Fotografia

  9. Pingback: Primi rilievi e progetto per un faro a capo Guardafui | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...