05/1941- Operazione “Chapter”, l’attaco inglese al Faro Crispi

Bender Qasin_ postazione di artiglieria_Foto-PedriniIl 6 maggio 1941 i Britannici occuparono Bender Cassim (attuale Bosasoo) che era stata già evacuata dagli italiani; l’11 maggio mossero verso Dante, dove si trovavano le saline di Hafun, che cadde il 16 mentre il 18 maggio 1941, nell’ambito dell’operazione “Chapter”, attaccarono il faro Crispi a Capo Guardafui insieme al vicino villaggio di Tohen. La zona fu teatro di un raid di un commando britannico condotto con l’assistenza della Reale Marina indiana, attacco che rientrava nei piani delle forze britanniche per l’acquisizione dell’area, ancora sotto il controllo dagli italiani, per facilitare il passaggio delle loro navi attraverso il Golfo di Aden.

Questo perché a guerra iniziata il faro Crispi venne spento per rendere di nuovo difficoltosa la navigazione delle navi militari, infatti si legge sull’Ottawa Citizen del 20 ottobre 1945 che durante la guerra il Corno d’Africa era diventato un punto strategico e anche pericoloso a causa dei naufragi, così che con la nuova occupazione inglese la luce del faro era tornata a splendere dal 1941.

.

Clicca MI PIACE nella pagina Facebook dedicata al Faro Crispi a Capo Guardafui

.

Il 21 maggio infine un reparto inglese prendeva possesso anche della città di Alula.

Si legge in un dispaccio delle “Operazione contro le forze italiane” del 16 luglio 1941 del Commander in Chief, East Indies Station H.M. Naval Office, Colombo: Operazioni minori contro italiani in Africa orientale, in cui le forze navali hanno preso parte, erano la presa di Dante, Faro di Capo Guardafui (ora di nuovo nelle operazioni) e, infine, di Assab. Mi dispiace che durante queste operazioni la Royal Indian Navy A/S PARVATI nave è stata affondata da una mina al largo Assab il 30 aprile.”

(Nella foto in alto a sinistra una batteria di artiglieria a Bender Cassim – Foto di Carlo Pedrini da internetculturale.it)

.

© 2014 Alberto Alpozzi freelance photojournalist All Rights Reserved – Torino, Italy

Per approfondire clicca qui per leggere un articolo sulla storia della costruzione del faro Crispi.

ENGLISH VERSION

Operation “Chapter”, English attack at Crispi Lighthouse

Bender Qasin_veduta_Foto-PedriniOn 6 May 1941, the British occupied Bender Cassim (now Bosasoo) that had already been evacuated by the Italians; May 11, moved toward Dante, who fell on 16, while May 18, during Operation “Chapter”, they attacked Crispi lighthouse at Cape Guardafui and the nearby village of Tohen. The area was the scene of a raid by British commandos conducted with the assistance of the Royal Indian Navy, which was part of the attack plans for the acquisition by British forces of this area, still controlled by the Italians, to facilitate the transition of their ships through the Gulf of Aden.

This is because when the war started the Crispi lighthouse was off again to make navigation difficult of military vessels, in fact we read in the Ottawa Citizen on October 20, 1945 during the war in the Horn of Africa had become a strategic point and even dangerous to because of shipwrecks, so that with the new British occupation, the lighthouse was returned to shine since 1941.

Click LIKE into Facebook page dedicated to Lighthouse Crispi at cape Guardafui

On May 21, finally an English department also took possession of the town of Alula.
We read in a dispatch of “Operation against Italian forces of 16 July 1941 Commander in Chief, East Indies Station HM Naval Office, Colombo: Minor operations against Italian East Africa, in which the naval forces took part, were taking Dante’s Lighthouse, Cape Guardafui (now back in operation) and, finally, of Assab. I regret that during these operations the Royal Indian Navy A / S PARVATI ship was sunk by a mine off Assab on April 30.
(In the photo above left Bender Cassim Photos by Carlo Pedrini internetculturale.it)

Annunci

3 pensieri su “05/1941- Operazione “Chapter”, l’attaco inglese al Faro Crispi

  1. Pingback: Il Principe di Guardafui, l’ultimo guardiano italiano del faro Crispi | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  2. Pingback: Somalia Italiana – Il Capitano Gatti muore difendendo il Faro Crispi | L'ITALIA COLONIALE

  3. Pingback: Le tappe fondamentali dell’Imperco coloniale italiano | L'ITALIA COLONIALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...