L’invenzione di Marconi per la stazione radiotelegrafica del faro di Guardafui

radiotelegrafista_somalia-italiana_guglielmo-marconiNel settembre 1911 il Dicastero della Regia Marina Italiana sollecita, dopo gli ennesimi naufragi, la realizzazione di un faro a capo Guardafui come opera fortemente necessaria. Contattato quindi il Ministero del Tesoro venne chiesto lo stanziamento dei fondi necessari aggiornando il progetto Patris-Albertazzi, redatto nel 1904 a seguito della campagna della Regia Nave Staffetta del 1903, inserendo anche l’impianto di una stazione radiotelegrafica, grazie alla nuova invenzione (1895) di Guglielmo Marconi che, ricordiamo, gli valse il Nobel per la fisica nel 1909.

La stazione radiotelegrafica era stata pensata per essere impiantata presso Uadi Tohen, un piccolo villaggio sul lato sud del promontorio di Guardafui e sarebbe stata collegata con l’esistente rete già presente nella nostra colonia.

Clicca MI PIACE nella pagina Facebook dedicata al Faro Crispi a Capo Guardafui

Fino al 1924, il faro non venne realizzato, quindi solo in quella data presso Uadi Tohen, a circa 6 miglia dal faro, venne attivata la stazione radiotelegrafica e radiogoniometrica con un apparato “Marconi” tipo 12 a scintilla frazionata da 1,5 chilowatt. La portata massima di rilevamento constatata fu di 150 miglia come da trasmissioni di prova con le Regie Navi Arimondi e Calabria.

La stazione radiotelegrafica di Tohen era in ascolto permanente dal tramonto al sorgere del sole e su richiesta, faceva anche servizio radiogoniometrico; negli anni il servizio verrà reso continuativo.

© 2014 Alberto Alpozzi freelance photojournalist All Rights Reserved – Torino, Italy

ARTICOLI CORRELATI

Poste e telegrafi nella Somalia Italiana dal blog L’Italia Coloniale

– L’articolo è un parziale estratto del libro “Il faro di Mussolini – L’Opera coloniale più controversa e il sogno dell’Impero della Somalia Italiana. 1889-1941″

 

Annunci

6 pensieri su “L’invenzione di Marconi per la stazione radiotelegrafica del faro di Guardafui

  1. Pingback: 29 settembre 1911 l’Italia conquista la Libia (che non esisteva ancora nelle mappe) – News Past World

  2. Pingback: Opere italiane sperimentali nella Somalia del 1930 | L'ITALIA COLONIALE

  3. Pingback: La Marcia su Roma de “Il faro di Mussolini” | L'ITALIA COLONIALE

  4. Pingback: Il Principe di Guardafui, l’ultimo guardiano italiano del faro Crispi | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  5. Pingback: Somalia Italiana – Il Capitano Gatti muore difendendo il Faro Crispi | L'ITALIA COLONIALE

  6. Pingback: Poste e telegrafi nella Somalia Italiana | L'ITALIA COLONIALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...