Come era la Mogadiscio del 1928 capitale della Somalia italiana?

“…ecco Mogadiscio ridente e civile, candida nell’anima e nelle case, e dove, come una benedizione ed una speranza, il verde dei giardini smentisce l’aridità delle dune”. Augusta Perricone Viola.
.
Mogadiscio era la capitale e il massimo centro commerciale della colonia. Nel 1928 contava 27.000 abitanti di cui 700 italiani.
La città era divisa in due quartieri dal corso Re Vittorio Emanuele III, la principale arteria stradale che attraversava la città in direzione Sud-Nord: a Sud-Ovest Amaruìni (Amàr uèn, città grande), a Nord-Est Scingani, dove si trovava il Palazzo del Governatore, in stile moresco.[…]
2-piano-regolatore-di-mogadiscio
Nel 1924 il Governatore de Vecchi aveva attuato il primo grande piano regolatore della città da applicarsi principalmente ai due centri abitati di Amaruìni e Scingani, che costituivano la vecchia città araba, unitamente ad un Decreto che stabiliva la nuova rete stradale: “Art. 1 – Il viale che dal mare presso l’edificio della Dogana va alla duna in direzione nord è denominato Viale del Re Vittorio Emanuele III”.
mogadiscio-il-viale-del-reDalla Dogana, sul porto, si usciva direttamente sul corso del Re Vittorio. Al suo inizio, di fronte all’oceano, a sinistra si trovavano la Posta e il Telegrafo e la Moschea di Fach ed-Din, del 1269. Sulla destra la Casa del Fascio. Risalendo a sinistra si trovava la Farmacia e a destra la Garesa, il vecchio Castello, che fu sede dei Valì del Sultano di Zanzibar, all’interno del quale vi erano il corpo di Guardia del Palazzo del Governatore, l’Ufficio Agrario e di Colonizzazione e il Gabinetto foto-cinematografico dell’Ufficio Studi e Propaganda. Alla sua destra un viale costeggiato da piante tropicali che portava al Palazzo del Governatore di fronte al quale vi era il pilone con la bandiera di possesso, opera scultorea di Cesare Biscarra.
Proseguendo sul corso del Re, svoltando a destra si imboccava via Principe Umberto, alberata con piante di cocchi, sulla sua sinistra il Comando Truppe, proseguendo a sinistra si trovava la palazzina del Comando delle Bande armate di confine, a destra l’Ambulatorio civile e infine a destra il Circolo “Duchessa d’Aosta” con all’interno affreschi del pittore piemontese Lidio Ajmone.
1-vista-del-lungomare-dal-palazzo-del-governatoreSvoltando a sinistra si trovava il vecchio quartiere indigeno di Scingani, mentre a destra si sboccava sul lungomare Vittorio Bottego, all’inizio del quale vi era il Monumento ai Caduti della Somalia Italiana, altra opera del Biscarra.
La passeggiata continuava lungo il nuovo pontile in costruzione, arrivando al villaggio dei Rer Magno, la famiglia del mare, poi fino al campo militare Amnàra degli ascari eritrei, con la stazione radiotelegrafica e il lazzaretto.
A 10 minuti dal campo si arrivava alla torre Mnàra, antica costruzione araba circolare su basa quadrata, che fungeva da faro.
Tornando indietro sulla via del Principe si vedeva il nuovo arco trionfale romano, alto 14 metri, sempre del Biscarra, realizzato per celebrare la visita del Principe di Piemonte.
mogadiscio-via-principe-umberto-1Alla destra del nuovo arco si trova ancora oggi la moschea di Arbarucùn, del 667, mentre alle spalle dell’arco nel campo, verrà realizzato poi il Palazzo degli Uffici del Governo, alla sinistra invece la cosiddetta Porta delle Rondini, delle vecchie mura di Amaruìni.
Di nuovo sul corso del Re a destra l’edificio delle Opere Pubbliche, la Palazzina del Segretario Generale, l’Albergo Savoia e la Stamperia dell’Ufficio Studi e Propaganda, l’Autoparco e la sede della S.A.I.S.. Al fondo sulla sinistra il Campo Sportivo del Littorio e dietro la stazione ferroviaria.
Proseguendo oltre il corso, ad un’ora di cammino si giungeva, dopo la duna, al faro di Mogadiscio, eretto nel 1912, e al forte Cecchi. Ridiscendendo sulla destra la sede della Banca d’Italia, l’albergo Benadir e l’emporio della C.I.D.E.A. “Compagnia Italiana dell’Est Africa” con annesso cinema.
cattedrale-mogadiscio-1928Svoltando a destra si imboccava il Viale Regina Elena, con sulla destra la nuova Cattedrale, Santuario della Consolata, su progetto dell’ingegnere Antonio Vandone […]
Segue il Teatro del Fascio e la Caserma Podgora degli Zaptié, i membri del corpo dei Reali Carabinieri reclutati tra gli indigeni. Al fondo della strada il mercato locale […]
Di fronte si apriva il quartiere Amaruìni, caratterizzato da tortuose vie e vicoli con i negozi arabi […] la piazza della moschea Giama, del 1238, la più importante della vecchia città, caratterizzata da un minareto cilindrico, sormontato da una terrazza, e sull’arco della preghiera il nome del costruttore Gululè bin Mohamed ben Abdul Aziz.
Giunti al fondo del vecchio quartiere, si arrivava sul lungomare Duca degli Abruzzi, dove si trovava il Comando Aviazione, le scuole elementari “Umberto di Savoia”, il brefotrofio e orfanotrofio “Regina Margherita”, l’asilo infantile e l’ospedale “De Martino” e infine le carceri.
Poco fuori dalla città l’aeroporto militare “Campo volo Petrella” che disponeva di 4 nuovissimi biplani Romeo RO -1 […]
“Oggi Mogadiscio, la capitale della più lontana fra le nostre colonie, sembra come la sintesi e la realizzazione della nostra convinzione e della nostra passione, che se vuole e quando vuole, sa e può volere!” Augusta Perricone Viola
.
di Alberto Alpozzi – © Tutti i diritti riservati
.
Tutte le foto dell’articolo, pubblicate nel libro “Viaggio nella Somalia italiana” sono di Carlo Pedrini, fotografo capo del Regio Laboratorio Foto-Cinematografico di Mogadiscio.
Annunci

30 pensieri su “Come era la Mogadiscio del 1928 capitale della Somalia italiana?

  1. Pingback: Quel paradiso terrestre chiamato Somalia dimenticato perché “fascista”, domenica 21 maggio al Salone del Libro di Torino. | L'ITALIA COLONIALE

  2. Pingback: Arte e architettura nella Mogadiscio scomparsa | L'ITALIA COLONIALE

  3. Pingback: Il Governatore C.M de Vecchi di Val Cismon rientra dalla Somalia dopo averla creata | L'ITALIA COLONIALE

  4. Pingback: L’ultima visita di Umberto di Savoia al Villaggio Duca degli Abruzzi | Viaggio nella Somalia Italiana

  5. Pingback: Umberto di Savoia lungo il Giuba verso la boscaglia somala | Viaggio nella Somalia Italiana

  6. L’ho trovato di notevole interesse avendo lavorato in ambasciata negli anni 87/90; rammaricato per lo stato in cui versa tuttora quella nazione

  7. Pingback: Il vero volto del colonialismo italiano per la prima volta in un calendario | Viaggio nella Somalia Italiana

  8. Pingback: Il nuovo calendario storico “Somalia coloniale” per finanziare la ricerca – VIDEO | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  9. Pingback: Il “Calendario 2017 – Somalia coloniale” per finanziare la ricerca storica | L'ITALIA COLONIALE

  10. Pingback: Viaggio nella Somalia italiana, un libro sulla storia coloniale dai contenuti inediti | L'ITALIA COLONIALE

  11. Pingback: Nel museo della Garesa di Mogadiscio (c’era) il più antico documento della storia della Somalia | L'ITALIA COLONIALE

  12. Pingback: L’inaugurazione della Cattedrale di Mogadiscio, evento politico e religioso | L'ITALIA COLONIALE

  13. Pingback: “Perchè siete andati via? Si stava bene quando c’eravate voi. C’era lavoro e non c’era la guerra” | L'ITALIA COLONIALE

  14. Pingback: «Arrivo domani forma privatissima affettuosamente Balbo». | L'ITALIA COLONIALE

  15. Pingback: Rispetto, tolleranza e condivisione nella Somalia musulmana e fascista. | L'ITALIA COLONIALE

  16. Pingback: Il Villaggio Duca degli Abruzzi a Giohar – FOTO e VIDEO | L'ITALIA COLONIALE

  17. Pingback: Nella Somalia italiana dighe, canali e ferrovie per l’agricoltura sperimentale di Genale | L'ITALIA COLONIALE

  18. Pingback: Lidio Ajmone pittore dimenticato della Somalia Italiana | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  19. Pingback: 1928 – Il Principe Umberto di Savoia visita la Somalia ma la “storia” se n’è dimenticata | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  20. Pingback: La Cattedrale di Mogadiscio, il più grande tempio cristiano dell’Africa Orientale | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  21. Pingback: Mogadiscio. Biscarra e il Monumento ai Caduti della Somalia | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  22. Pingback: Le ferrovie della Somalia italiana | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  23. Pingback: La Milizia Portuaria | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  24. Pingback: Umberto di Savoia e il colonialismo italiano mai raccontato | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  25. Pingback: 1928. Il Principe di Piemonte sbarca a Mogadiscio | Viaggio nella Somalia Italiana

  26. Pingback: Il Principe Umberto di Savoia accolto dal Cadì nella moschea Giama | Viaggio nella Somalia Italiana

  27. Pingback: Inaugurazione della Cattedrale di Mogadiscio. Torino Presente! | Viaggio nella Somalia Italiana

  28. Pingback: Umberto di Savoia a Mogadiscio visita l’ospedale De Martino, ancora oggi esistente | Viaggio nella Somalia Italiana

  29. Pingback: A Mogadiscio il battesimo dei bimbi meticci davanti al Principe di Piemonte | Viaggio nella Somalia Italiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...